T-days, una nuova rete di trasporto è possibile – Ugo Mazza Unità 7 luglio 2012

No. Le navette per i T-days, no: costano troppo e non risolvono i problemi.
Questa proposta di cui si scrive in questi giorni evidenzia che una pedonalizzazione contrapposta a un regolare svolgimento del trasporto pubblico crea solo problemi, sia per i cittadini che per la vita economica e sociale del centro storico.
Va quindi superata una pedonalizzazione a singhiozzo che penalizza gli utenti e sconvolge la continuità del servizio del trasporto pubblico, amico dei cittadini e dei pedoni facendo leva su questa sperimentazione dei T-days che ha dimostrato la validità delle aree pedonali e la necessità di ridurre i passaggi dei mezzi pubblici e privati nel cuore della nostra città.
Ora bisogna fare il passo successivo e decisivo per garantire che dal lunedì al lunedì i cittadini possano avvalersi in continuità di un trasporto pubblico certo e affidabile per muoversi ovunque e per giungere a Piazza Nettuno, con meno bus in centro.
E’ quindi necessario studiare e realizzare, con la partecipazione degli utenti e degli operatori, una nuova rete di trasporto pubblico che si basi su alcuni punti fermi molto semplici:
– pedonalizzare la zona Due Torri e via Rizzoli;
– utilizzare via Indipendenza e via Ugo bassi per alcune linee portanti con mezzi elettrici;
– spostare l’interscambio degli utenti tra le varie linee dalle vie Rizzoli-Ugo Bassi alle vie Irnerio, Marconi e Farini e nelle Piazze Aldrovandi e Malpighi;
– collegare in città e provincia i bus con le stazione del SFM per una mobilità rapida e integrata in tutta l’area metropolitana, anche per ridurre i costi del servizio.
La realizzazione permanente di una zona pedonale-monumentale che unisca Piazza Maggiore, le Due Torri e Piazza S. Stefano, togliendo il catrame e ripristinando la pavimentazione storica e l’arredo urbano, farebbe di Bologna una delle più belle città del mondo e una opportunità di lavoro impagabile.
Una città bella si basa anche su un sistema di trasporto pubblico affidabile, puntuale e integrato.

Basta andare avanti ascoltando e dando risposte argomentate e coerenti alle domande dei cittadini che intendono usare il trasporto pubblico per muoversi senza fare della prime scelte un tabu immodificabile: la capacità di adeguare le proprie scelte è la forza di chi governa con saggezza.

Ugo Mazza

 

Condividi:

Un pensiero su “T-days, una nuova rete di trasporto è possibile – Ugo Mazza Unità 7 luglio 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *